In SUPER evidenza:

Andrea dice...

Stato di flusso, come riordinare i pensieri ed essere più produttivi in 5 passaggi



Mediamente 70.000 pensieri al giorno affollano la nostra mente e, se non organizzati a dovere, possono minare la nostra produttività. "Si tratta di idee, non di cose reali - scrive su Linkedin il dottor Travis Bradberry, autore insieme a Joanes Graves di "Emotional Intelligence 2.0", manuale sull'intelligenza emotiva, e presidente di TalentSmart - Lasciarsi travolgere dal loro scorrere rende la mente disorganizzata.


Più si rimugina su pensieri negativi, più si dà loro potere". Per questo motivo, continua ancora Travis, "Quando si è in balia di pensieri pessimisti e negativi, rallentarne il flusso diventa sempre più difficile".


Uno studio condotto all'Istituto Nazionale dell'Invecchiamento ha dimostrato che una mente disorganizzata, che lascia spazio a pensieri invasivi, comporta alti livelli di stress, negatività cronica, impulsività.


Ne risente anche la produttività e possono derivarne problemi di salute come aumento di peso, malattie cardiache, problemi di sonno e emicrania.


Al contrario una mente "ordinata" può raggiungere uno stato di coscienza di equilibrio e beatitudine,"stato di flusso" (in inglese "flow"), in cui si è completamente immersi in quel che si fa e liberi da distrazioni.


E' in questo "stato di grazia", riferisce ancora Travis, che il potenziale si sviluppa al meglio, e si è cinque volte più produttivi di quanto non si sarebbe altrimenti.


Ecco allora i cinque passaggi suggeriti da Travis per rendere la propria giornata più produttiva:



Leggi su L'Huffington Post tutto l'articolo.....


Last but not least:
Follow Us
Search By Tags
Non ci sono ancora tag.
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

 I PROSSIMI APPUNTAMENTI ... per vedersi LIVE !!!

.

.

.

.

.

.

 

.

 

.

​FIND ME

  • YouTube - White Circle
  • LinkedIn - White Circle
  • Twitter Clean
  • Facebook Clean

.
.

Email me

Tweet me

Watch me

Friend me 

Connect

Blog

.

.

 

.

.

 

.

.